-

Velletri servizi Ri-Evoluzioni

Eravamo rimasti alla settimana scorsa alle dimissioni dell’Amministratore Delegato della società partecipata Velletri Servizi.

Dimissioni giunte a causa di una impossibilità operativa e di una carenza di collaborazione da parte soprattutto della dirigenza comunale nei confronti della sua partecipata.

Ricordiamo che la Velletri Servizi è una società interamente di proprietà del comune di Velletri, che è anche il suo unico socio che, esercita il controllo sulla società, in maniera analoga a quello che effettua sui suoi servizi.

In parole povere la Velletri Servizi, se pure una società di capitali indipendente, non ha una vera autonomia gestionale, ma segue gli indirizzi ed il controllo pubblico.

Il che è una anomalia normativa, in quanto le responsabilità civili sono in capo all’amministratore della società, che deve però sottostare alle scelte del socio.

Il socio per questo motivo però, deve agire nell’interesse della società, in quanto danneggiandola con una errata gestione rischia di causare un danno erariale.

Nel caso della Velletri Servizi sembra che la dirigenza comunale si ostini, invece, a non riconoscere l’azienda come un ramo dell’ente, ma piuttosto come fosse una azienda sul mercato, costringendola a convenzioni strozzanti che non ne consentono la crescita e nemmeno la sopravvivenza.

In questo clima, l’amministratore Arturo Mascetti da le dimissioni, dopo quelle date già da diversi mesi del presidente Piero Guidaldi.

La qualità di Mascetti si è vista quando ha garantito ancora due mesi di disponibilità, tempo chiesto dal Sindaco per trovare una soluzione ed un sostituto.

Ma presto l’amministratore dimissionario ha dovuto ritirare questa sua disponibilità, avendo scoperto che alcune sue dichiarazioni, fatte nella seduta di controllo analogo di giugno, sfavorevoli alla dirigenza comunale, erano scomparse dal verbale ufficiale, grazie ad una “manina” ancora da individuare.

Il sindaco Pocci non sembra affatto avere la situazione sotto controllo, così facendo farà fuggire tutte le persone migliori. 

Chi ne prenderà il posto?

Facebooktwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *