VELE E TERRITORIO

C’è forse qualcuno tra di voi che non si è accorto che in alcune zone della nostra città svettano imponenti, da mesi e mesi, dei mezzi di pubblicità mobile, le cosiddette “vele”? Mezzi che, invece di spostarsi, giacciono stabili senza mai cambiare luogo, con particolare predilezione per le prossimità degli incroci più trafficati della città.

Senza voler togliere nulla a quello che è uno strumento pubblicitario lecito e fondamentale per le imprese, vogliamo porre l’attenzione sull’atteggiamento di chi vuole furbescamente spadroneggiare sul territorio.

Da una rapida ricerca sulla normativa troviamo  un parere del Ministero dei Trasporti (62926 del 2008) che conferma che la pubblicità in prossimità degli incroci a raso e delle rotatorie non è consentita ai sensi dell’art 23 comma 1 del D.Lgs 285/92 e dal disposto dei commi 3 e 4 dell’art 51 D.P.R. 495/1992.

In più una sentenza della Cassazione (5858 del 13 aprile 2012) stabilisce che piazzare il veicolo nei punti strategici della città è un espediente elusivo per risparmiare sul tributo, e che essi vanno equiparati a mega cartelloni stabili.

L’amministrazione non deve consentire ai furbetti di fare il proprio comodo sul territorio pubblico, soprattutto per non creare disparità con chi invece si attiene alle regole e paga regolarmente.

Chi di dovere ha già provveduto con sanzioni, ma a quanto pare non sono bastate. Ci aspettiamo provvedimenti rapidi a questo problema affinché il territorio possa tornare ai cittadini.

 

vele1

 

IMG-20151113-WA0007

 

 

Facebooktwittergoogle_plus

Comments

  1. By michel

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *