Direttore Generale Velletriservizi

Nel primo Consiglio Comunale tenutosi lo scorso 2 Agosto, il MoVimento 5 Stelle di Velletri, nella persona del suo consigliere Paolo Trenta, poneva all’attenzione del Sindaco Fausto Servadio, un’interpellanza tramite con cui chiedeva spiegazioni in merito al modus operandi utilizzato per la selezione del Direttore Generale della Velletri Servizi S.p.A.

Difatti, avevamo ritenuto assolutamente inappropriato sia il bando di selezione, che la tempistica con cui era stato proposto, rilevando che non vi fossero urgenze tanto indifferibili da giustificare tale operato.

Le risposte del Sindaco, il quale affermava che: “dalle 3 precedenti nomine non era cambiato assolutamente nulla. Pertanto, si è tolto solo il requisito della laurea perché è stata ritenuta più importante l’esperienza nel settore tributario, perché è il settore che ci interessa…” e che “la scelta di eliminare il requisito della laurea ha permesso di ampliare l’ambito. Non si possono escludere persone perché sono stati amministratori“, non ci avevano in alcun modo soddisfatto, né fatto cambiare idea.

Perseverando nella convinzione che i criteri adottati fossero troppo generici, al punto di non poter essere adottati per la scelta di colui che deve guidare un’azienda importantissima, qual è la Velletri Servizi S.p.A., abbiamo deciso di approfondire l’argomento sulle modalità di nomina.

Grazie al lungo e meticoloso lavoro giurisprudenziale svolto dagli Avvocati Vincenzo Carteny e Vanessa Martini, siamo giunti alla conclusione che non solo tale selezione è eticamente inaccettabile, ma lo è anche sul piano legale ed, in primis, è da ritenersi ANTICOSTITUZIONALE.

Infatti, il pubblico concorso, in quanto metodo che dovrebbe offrire le migliori garanzie di selezione dei “più capaci”, è un meccanismo strumentale rispetto al “Principio di efficienza e Buon andamento dell’amministrazione”, tutelato ex Art. 97 della Costutuzione, il quale può dirsi pienamente rispettato soltanto quando le selezioni non siano caratterizzate da arbitrarie forme di selezione dei soggetti legittimati a parteciparvi.

Pertanto, la scelta organizzativa del conferimento di incarichi senza concorso, a funzionari privi delle idonee qualifiche, è sufficiente ad introdurre e consolidare nel tempo una situazione complessiva di grave violazione di principi fondamentali di regolamentazione del rapporto di pubblico impiego e delle garanzie relative all’accesso alle qualifiche, alla selezione del personale e allo svolgimento del rapporto. Va evidenziato altresì, che la nomina ad un incarico dirigenziale per un funzionario non dirigente comporta che il relativo atto di conferimento debba considerarsi radicalmente nullo e, da qui, deriva la conseguente nullità degli atti da questo emessi perchè affetti da insanabile vizio.

Lo scenario offerto, nel caso in cui l’amministrazione continuasse a perseverare nei propri intenti, si presenta a dir poco oscuro. Il rischio, è che la città di Velletri possa subire un altro durissimo colpo che, senz’altro, si ripercuoterebbe sulla sua cittadinanza: difatti, oltre ad essere stata applicata una procedura al di fuori del rispetto delle norme e della Costituzione, la nomina a dirigente di una persona priva di Laurea, quando questa è necessaria – caso in cui rientra l’incarico di Direttore Generale della V.S. – è causa di danno erariale, così come riconosciuto dalla Corte dei Conti in alcune delle sue molte decisioni, con le quali ha condannato al risarcimento dei relativi danni i Comuni colpevoli di tali condotte.

Il Movimento 5 Stelle questo non può assolutamente permetterlo. Pertanto, nella mattinata di venerdì 13 settembre c.m., è stata depositata una richiesta di Riesame in Autotutela indirizzata al Presidente del Consiglio d’Amministrazione della Velletri Servizi S.p.A., nella speranza che la stessa venga accolta con conseguenti annullamento della nomina guardando così, prima di tutto, al bene dei cittadini e non di coloro che amministrano.

 

Documenti:

   Richiesta riesame in autotutela

Facebooktwittergoogle_plus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *